Via Vecchia di Cuneo, strada pubblica ad uso privato?

Il MoVimento 5 stelle Mondovì, ha presentato un’interrogazione sull’istituzione del “Divieto di transito eccetto residenti ed aventi diritto” in via Vecchia di Cuneo, nel tratto compreso tra il numero civico 47 (a 140 mt dall’intersezione con la SP 564) e l’intersezione visa del Mazzucco / via Canonico Mondino.

Il Provvedimento risale ad un’ordinanza del 2011, ma è stata da poco emanata una nuova ordinanza al fine di individuare meglio il tratto stradale oggetto del provvedimento.

La strada oggetto del provvedimento collega una parte della città ad un importante asse viario provinciale (SP 564, la Mondovì-Cuneo) e le motivazioni addotte per la chiusura al traffico (pericolosità del tratto stradale per la morfologia dello stesso, ovvero per l’andamento curvilineo e le numerose variazioni altimetriche, nonché la larghezza della strada che rende difficoltoso il transito a doppio senso di marcia) possono essere addotte a molte delle strade frazionali della città.

La strada, di competenza comunale, viene interdetta all’utilizzo per la quasi totalità dei cittadini Monregalesi, rendendola de facto una strada pubblica ad uso privato; la stessa continua però ad usufruire della manutenzione comunale (compresi lavori di bitumatura e di sgombero neve) a carico dei Monregalesi tutti (sono stati effettuati recenti lavori di bitumatura sulla strada).

Chiediamo quindi quale criterio e/o considerazione ha reso questa strada oggetto di provvedimento al contrario delle altre strade frazionali? E l’ordinanza è stata una scelta collegiale della Giunta o invece un’iniziativa dell’Assessore competente o del Dirigente del settore competente?

La Giunta inoltre, non reputa sbagliato che siano i cittadini monregalesi a farsi carico della manutenzione pubblica di una strada de facto ad uso privato?

DOWNLOAD INTERROGAZIONE VIA VECCHIA DI CUNEO

Immagine

2 risposte a “Via Vecchia di Cuneo, strada pubblica ad uso privato?”

  1. Dal giorno che la strada è stata chiusa che porto avanti questa battaglia, anche ieri sera si è discusso con l’assessore per questo problema. Per molti di noi comporta allungare il tragitto per recarsi al lavoro con eventuali conseguenze, comunque sono in pieno accordo che se la strada è privata se ne deve fare carico chi la usufruisce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *