Interrogazione sicurezza pubblica‏ – Non si vota per tagliare la sicurezza dei cittadini!

Enrico Costa ha presentato un’ interrogazione al Ministro dell’Interno Angelino Alfano per domandare se le forze dell’ordine sul territorio monregalese avranno maggiori dotazioni di uomini e mezzi e per vedere se è possibile creare maggior coordinamento tra esse.

Bene ma fare un’ interrogazione ad un proprio collega di partito, attualmente al Governo, è quantomeno paradossale e, avanzare tale tipo di richiesta perché si è registrato un aumento della delinquenza del monregalese, è populismo allo stato puro, soprattutto se si sa già che grazie alle grandi manovre delle Larghe Intese questo Parlamento ha già tagliato molti presidi di Polizia in tutta Italia, cuneese compreso.

Alla base di uno Stato degno di questo nome ci dovrebbero essere delle politiche, ad ogni livello, volte a garantire la sicurezza dei cittadini, le forze dell’ordine meritano di ricevere tutte le risorse necessarie per svolgere la propria attività sempre, non solo quando ci si rende conto che nel proprio territorio aumenta la malvivenza… La soluzione poteva iniziare ad esempio lottando contro al DL 95/2012 (non dando voto di fiducia e lottando contro tutti) che ha tagliato 35 mila unità alle forze dell’ordine, oppure votando contro al DDL stabilità 2011 (2 milioni l’anno tolti alle spese di vitto per il personale dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, riduzioni delle missioni di ordine pubblico e sicurezza del ministero dell’Interno, nel biennio 2012-2013 subendo così una sforbiciata di 60 milioni di euro. “Al fine di razionalizzare e riorganizzare la spesa”, si legge nel testo, riduzione dello stanziamento previsto nello stato di previsione del ministero dell’Interno, missione ordine pubblico e sicurezza,  di 10 milioni di euro per l’anno 2012 e di 50 milioni di euro a decorrere dall’anno 2013, nella misura del 50% per la Polizia di Stato e del 50% per l’Arma dei carabinieri” e molto molto altro)…

Noi, sapendo che ci saranno seri e drastici tagli alle forze dell’ordine già programmati da tempo, non interroghiamo il Ministro perché ci ha già detto, con il suo voto, cosa pensa e con molta umiltà e serietà, presentiamo con il Consigliere comunale del MoVimento 5 Stelle di Mondovì Federico Costamagna un’ interrogazione che farà domande precise a chi risponde direttamente della sicurezza del monregalese con quello che può avere a disposizione. Nonostante le Larghe Intese.

Fabiana Dadone, cittadina eletta alla Camera dei Deputati

Federico Costamagna, Consigliere Comunale MoVimento 5 stelle Mondovì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *