Il secondo capolista, Enrico Costa

In un periodo di profonda crisi economica e culturale, la classe politica, intenta solo a condurre una campagna elettorale fatta di promesse d´ogni genere, senza concentrarsi mai troppo sul proprio programma, non manca di inondare le case degli italiani con propaganda di vario genere, formato e colore.

Anche le case della nostra cittadina non fanno eccezione essendo state allietate, negli scorsi giorni, da un opuscolo offertoci dall’On.Enrico Costa. La presentazione all’elettorato appare da subito nebulosa giacché l´onorevole nostrano dichiara d´essere capolista dopo il capolista Angelino Alfano, in barba alla elementare regola matematica secondo cui al primo succede inevitabilmente il secondo, ma anche la proposta che ne fa seguito non è da meno: votare il suo partito non tanto per il programma inattaccabile e concreto quanto perché, aldilà delle idee divergenti, almeno Mondovì avrebbe una rappresentanza territoriale in Parlamento.

Codesto suggerimento pone legittimo dubbio nell’animo del cittadino: ma di questa rappresentanza locale in Parlamento non ne abbiamo già usufruito, peraltro senza evidenti risultati, nei passati 5 anni di legislatura? Che cosa ha fatto il nostro prode onorevole per il territorio per il quale si erge paladino? Wikipedia parla chiaro: “Costa da membro della Commissione Giustizia è stato relatore per il Governo di norme molto discusse come il Lodo Alfano che bloccava i processi giudiziari nei confronti delle quattro più alte cariche dello Stato poi abrogato dalla Corte Costituzionale e il Legittimo Impedimento che prevedeva la sospensione dei processi giudiziari a carico di Presidente del Consiglio dei Ministri e Ministri fino al mantenimento della carica elettiva”. Ecco…Lodo Alfano e Legittimo Impedimento, questi sono i provvedimenti per i quali sarà ricordato l’On. Enrico Costa e per certo non per mirabolanti iniziative a servizio del territorio, ma bensì utili ad una persona o poche più, sicuramente non di Mondovì… E ribadiamo anche che il Lodo Alfano è stato dichiarato successivamente incostituzionale…

Un po’ ondivago  il suo impegno circa tematiche prettamente locali, quali Tribunale (in via di chiusura), acqua pubblica e linee ferroviari (tagliate), per esempio.

Il Movimento 5 Stelle che da sempre rifiuta i rimborsi elettorali e si impegna a garantire reale ed adeguata rappresentanza a livello territoriale (non solo a 30 giorni dalle elezioni), senza capilista (veri) paracadutati dalla Sicilia, coglie l´occasione per informare l´On. Costa che la Città di Mondovì vanta già una capolista (vera), Fabiana Dadone, ed è proprio del Movimento 5 Stelle, seconda a nessuno ed eletta con le parlamentarie on line, completamente gratuite e direttamente dagli attivisti.

Invitiamo quindi tutti i Monregalesi a votare per il MoVimento 5 Stelle, dopo aver visionato il programma reperibile on-line e presso i banchetti del MoVimento 5 Stelle Mondovì, l’unico voto utile possibile, secondo noi, voto che di sicuro porterà a Roma una parlamentare che veramente si curerà del territorio e non delle magagne del proprio leader politico.Costa

Una risposta a “Il secondo capolista, Enrico Costa”

  1. Elezioni 2013 , epocale a Mondovì : 5 stelle primo partito , PD secondo , PDL terzo , stavolta Barabba l’ ha preso nel tunnel !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *