Democrazia Partecipata e Mobilità

Sperando nella clemenza delle condizioni meteoreologiche, continuano oggi, sabato 11 febbraio (orario 8,30-12,30) i banchetti di contatto degli attivisti del MoVimento 5 Stelle Mondovì in vista della prossima tornata elettorale. Il ritrovo è fissato in Corso Statuto, in vicinanza degli ex-bagni pubblici.

Presenzierà anche il il Consigliere Regionale del MoVimento 5 Stelle, Fabrizio Biolè.

Al banchetto sarà possibile confrontarsi circa il Programma per le Elezioni Amministrative della prossima primavera, ritirare il questionario circa la mobilità a Mondovì e nel Monregalese e, perché no, parlare col Consigliere Biolè della recente sentenza del TAR che obbliga la giunta Cota a calendarizzare nei prossimi 15 giorni un importante referendum sulla caccia. Referendum importante per il MoVimento 5 Stelle per i contenuti, ma anche per il fatto che si darà ai piemontesi la possibilità di esercitarsi con uno dei pochi strumenti di democrazia diretta che il cittadino italiano ha a disposizione.

Democrazia diretta e mobilità due cose che sembrano non andare a braccetto a Mondovì: di pochi giorni fa è l’annuncio della campagna a mezzo di questionario (ritirabile ai banchetti ed on-line sul sito www.movimentomondovi.it, destra pagina) circa la mobilità nel monregalese promossa dal MoVimento 5 Stelle Mondovì sull’onda dei recenti tagli regionali al comparto del trasporto pubblico (tagli recepiti dalla Provincia e quindi dai Comuni).

Il Comune di Mondovì, per contro, ha di recente preso una serie di provvedimenti reinserendo, o non facendo morire, alcune tratte sia su gomma che della funicolare, elargendo altresì una serie di contributi al comparto.

Perfetto! Che fortuna! La vicinanza alle elezioni fa diventare tutti i Comuni “un po’ più buoni”!

Ma, si, c’è un ma: gli interventi sono stati studiati in base alle indicazioni fornite dal gestore che s’è basato a sua volta sull’analisi di quanto utilizzate sono le linee di trasporto pubblico da questo gestito; ma se i Monregalesi hanno smesso di utilizzare i trasporti pubblici per tutta una serie di motivi, che senso possono avere delle azioni intraprese su dei dati che potrebbero essere molto probabilmente “adulterati” da questa disaffezione al trasporto pubblico? Avrebbe forse avuto più senso interpellare i Monregalesi, tutti, quelli che usano i mezzi pubblici e quelli che non li usano, chiedendo informazioni circa le loro necessità e circa il loro rapporto con i trasporti pubblici.
Indagine che il MoVimento 5 Stelle Mondovì sta ora conducendo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *