Farigliano: serata informativa del M5s

In un momento in cui il nostro paese è chiamato a scelte importanti per il proprio futuro sulle quali vi è però una totale mancanza di informazioni, il MoVimento Cinque Stelle Cuneo e Provincia ha organizzato a Farigliano una serata per far conoscere ai cittadini quello che si sta davvero facendo a Roma e non solo.

Davanti ad una platea numerosa ed attenta la cittadina eletta al Senato Barbara Lezzi ha spiegato i punti salienti della legge di stabilità e la verità che sta dietro alle tre grandi promesse del governo Renzi: riduzione dell’Irap, TFR in busta paga e bonus bebè, affrontando con chiarezza e precisione il problema delle coperture ed il meccanismo delle clausole di salvaguardia.

Silvia Chimienti, cittadina eletta alla Camera, ha invece parlato di scuola, sbugiardando le false dichiarazioni di maggiori soldi per l’istruzione e mettendo a luce le criticità che stanno dietro alle promesse di assunzioni dei precari, mentre la nostra Fabiana Dadone – prossima capogruppo del MoVimento alla Camera, ha affrontato il problema del conflitto di interessi (spostandosi dal campo della politca-spettacolo legata ai soli noti e sottolineando il vero effetto distorsivo e distruttivo che esso ha nell’economia reale) e di riforma del Senato.

C’è anche stato spazio per i temi locali, per portare a conoscenza delle varie battaglie che il MoVimento porta avanti comune per comune con i propri rappresentati, dal capoluogo, con Manuele Isoardi, ai centri più piccoli, e di venire a conoscenza, tramite le parole di Mauro Campo della reale e catastrofica situazione del bilancio regionale.

Prossimo appuntamento sarà al Alba il 14 novembre presso la sala Beppe Fenoglio dove si parlerà di Costituzione con Fabiana Dadone e delle situazione della città con il nostro rappresentante Ivano Martinetti.

Per qualunque informazione potete trovare i riferimenti dei gruppi locali su www.cuneo5stelle.it.

M5S a Farigliano! Dadone, Lezzi, Chimienti incontrano Istituzioni e Cittadini

Il MoVimento 5 Stelle cuneese e la deputata Fabiana Dadone sono lieti di annunciare che venerdì 24 ottobre alle ore 20:45 a Farigliano (CN), presso gli impianti sportivi S.u.v. A.s.d., si terrà un incontro ed un confronto sulle tematiche riguardanti le problematiche del territorio.
Si parlerà dello stato dell’economia italiana con la senatrice Barbara Lezzi, si cercherà di illustrare le proposte del M5S su reclutamento e formazione per la scuola italiana con la deputata Silvia Chimienti e spiegheremo con la deputata Fabiana Dadone le riforme Costituzionali.
Obiettivo della serata sarà una precisa formazione ed un costruttivo confronto con Istituzioni e territorio per cercare di migliorare le problematiche quotidiane della Granda.
Presentazione standard1

Riunione Pubblica M5S Mondovì – 7 luglio

Il MoVimento 5 Stelle Mondovì, seguendo una prassi consolidata – che prevede che i propri cittadini eletti ed i propri attivisti interagiscano il più possibile con la cittadinanza – continua a lavorare per implementare questo legame ed essere il più possibile fedele portavoce delle istanze della collettività.

Per questo motivo si è deciso di istituire un appuntamento fisso con la città, che avverrà tramite una:

Riunione Pubblica ogni primo lunedì del mese presso la Sala Comunale delle Conferenze in corso Statuto a Mondovì alle ore 20:45.

Sarà l’occasione nella quale il MoVimento aprirà le porte dei propri incontri ai cittadini di Mondovì, i quali potranno conoscere di persona gli attivisti, vedere come lavorano e fare – insieme a loro – il punto sulle attività svolte durante il mese trascorso e programmare quelle future.

Primo appuntamento sarà lunedì 7 luglio al quale sarà presente anche il neo eletto al Consiglio Regionale del Piemonte per la Provincia di Cuneo, Mauro Campo.

Restano comunque sempre attivi i classici canali di comunicazione con il gruppo: il sito internet, la pagina Facebook la mail mondovi@piemonte5stelle.it ed il profilo Twitter, oltre che il contatto diretto con il nostro consigliere eletto in consiglio comunale Federico Costamagna ( federico.costamagna@movimentomondovi ).

Perché il Sole 24 Ore titola “Libertà di Stampa: prima la Finlandia, Italia soltanto in 57esima posizione. Dopo a Botswana e Niger”?

Per La GuidaPerché un giornalista dovrebbe informarsi ed informare, almeno pensavo fosse così senza considerare il fatto che per non fare il proprio mestiere molte testate, per fortuna non tutte, ricevono dei contributi statali.

Perché combattere quello che si definisce “populismo” con affermazioni tendenziose e superficiali può non essere considerato professionale.

Perché dire “trattiene per sé” è essere tendenziosi quando si sa, senza aver bisogno di essere giornalisti, che:

– Nessun parlamentare può rinunciare allo stipendio lordo ma può ridare il netto che riceve, se lo ritiene opportuno.

– Nessun parlamentare, eccetto i 5 stelle, rinuncia al netto del suo stipendio.

– Il mandato di un parlamentare prevede  che abbia dei collaboratori per poter espletare meglio la propria attività pagandoli regolarmente a differenza di quanto accaduto negli anni passati

– Qualunque dipendente in trasferta ha le spese di vitto ed alloggio rimborsate, nel rispetto di quanto scritto poco sopra

Perché dare percentuali senza indicazioni in valore assoluto e senza i dovuti chiarimenti non è solo considerabile come informazione scorretta ma risulta anche fazioso e quindi considerabile disinformazione.

Perché non era difficile prevedere che varie testate più o meno importanti, più o meno apprezzate sul piano deontologico avrebbero puntualmente spulciato la documentazione del rendiconto parlamentare (unico nel Paese) alludendo ad una ipotetica ridotta trasparenza da parte degli unici che in Parlamento si comportano da dipendenti dei cittadini e non da loro padroni.

Perché sostenere che ci siano sprechi o opacità relativamente al conto della buvette o del bar XYZ o della mensa è uguale a sostenere che un eletto non deve essere nemmeno un cittadino uguale agli altri ma un cittadino di serie Z.

E noi saremmo i populisti mentre alcuni giornalisti sarebbero i difensori della Patria ?!

Perché se secondo la classifica stilata da Reporter Senza Frontiere (http://en.rsf.org/press-freedom-index-2013,1054.html), non da Grillo, l’Italia come libertà di stampa è dopo il Botswana, con tutto il rispetto per questo paese, evidentemente i nostri giornalisti, non tutti per fortuna, non sanno o non vogliono fare il proprio mestiere.

Quello che decido di decurtarmi, in virtù del mio ruolo lavorativo in trasferta, lo decido con gli attivisti del 5 stelle in provincia di Cuneo, per  alzata di mano e a maggioranza. Venga a trovarci, si attivi e si informi meglio, non solo perché così può presentare una sua proposta per integrare il nostro lavoro ma perché è dovere di ogni cittadino informarsi, soprattutto se giornalista.

Su Pizzarotti, Grillo & Co. rispondo che Lei è così poco informato che dice diverse falsità ai suoi lettori:

– di Assessori regionali a 5 stelle non ne esistono, in quanto per ora, il MoVimento 5 Stelle non ha vinto alcuna elezione regionale e quindi non ha avuto la possibilità di esprimere alcun Assessore.

– Pizzarotti non è l’unico Sindaco 5 Stelle in Italia.

– Grillo e Pizzarotti hanno discusso e si sono chiariti ben prima che Lei pubblicasse la sua replica di venerdì 7 marzo.

– Grillo non epura nessuno. I parlamentari decidono a maggioranza se gli iscritti al portale devono pronunciarsi.

– Anche io ho dissentito da Grillo e l’ho avuta vinta su Ius Soli e Legge Elettorale. E non sono stata epurata.

– I Senatori 5 stelle sono stati allontanati dagli iscritti votanti perché considerati incapaci di accettare le decisioni a maggioranza del gruppo M5S.

– Altri Senatori 5 stelle si sono dimessi e il gruppo M5S e Grillo ne hanno solo preso atto.

Per finire non mi resta che fare i complimenti per l’unica informazione utile data ai cittadini: esiste una voce “altro” che non è specificata, è vero. Il sistema www.tirendiconto.it non è stato fatto da programmatori professionisti o da Casaleggio, ma dagli stessi eletti ed i loro assistenti. E’ stato di recente aggiornato al dicembre 2013 ed entro poche settimane non esisterà più la voce “altro” nel database, il sistema è in continuo perfezionamento, e provvederò a pubblicare lo specifico di ogni voce

Infine la saluto con due domande che un giornalista dovrebbe, a mio avviso, porre ai suoi lettori:

– Perché solo i parlamentari M5S versano soldi sul conto al Ministero dell’ Economia per le PMI in difficoltà quando lo potrebbero fare tutti?

– Perché i parlamentari non approvano una legge per ridurre il loro stipendio a 5 mila euro lordi al mese? Con questa semplice modifica si guadagnerebbero ulteriori 6 mila euro a parlamentare al mese. Un buon inizio anche se non abbastanza ma sulla restituzione, prendendo l’esempio mio di altri parlamentari del MoVimento 5 Stelle, in 10 mesi non si sarebbe arrivati a 46 mila euro ma a 106 mila euro.

Con le stesse spese!!!

Fabiana Dadone,

Cittadina Eletta per il MoVimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati.

PS questo post/comunicato stampa, prende spunto da due articoli de La Guida di Cuneo

La Guida, emolumenti Fabiana Dadone La Guida, Dadone su stipendio 07.03.14