Ambiente e territorio – Programma del MoVimento 5 stelle Mondovi’

Ambiente e territorio

Tutela dell’ambiente come prerogativa: l’adesione del comune al “Patto dei Sindaci” darebbe un chiaro segnale del cammino che si vuole intraprendere a Mondovì.

AGRICOLTURA: UN’IMPORTANTE RISORSA DA VALORIZZARE

Nell’arco di pochi anni rischiano di essere numerosi i terreni agricoli abbandonati per cui bisognerebbe cercare contatti con singoli, associazioni, gruppi che manifestino chiaramente l’intenzione di tornare a coltivare la terra (esistono già piccole realtà vicino a noi). A questo fine sarà necessario:

  • adoperarsi come amministrazione per supportare questa tendenza favorendo la ripresa di un’imprenditoria agricola che assorbirebbe l’abbandono di terreni incolti;
  • promuovere una filiera a Km 0, soprattutto attraverso regole chiare per il “Mercato dei Contadini”;
  • individuare aree da adibire ad orti urbani a disposizione di singoli cittadini, gruppi di disoccupati o associazioni.

MONDOVI’ VERSO RIFIUTI ZERO

Premesso che la attuale gestione dei rifiuti è notevolmente migliorata rispetto al passato, e migliorerà ulteriormente con la tariffazione puntuale per l’indifferenziato – da premiarsi con incentivi – relativamente ai rifiuti occorre attuare tutte le azioni possibili per ridurne al minimo la produzione (obiettivo rifiuti zero), quali:

  • incentivare la messa in commercio e quindi l’utilizzo di prodotti sfusi;
  • incentivare il compostaggio domestico, di quartiere e presso grandi mense e ristoranti;
  • potenziare la raccolta differenziata in Z.I.;
  • agevolare la diffusione di casette dell’acqua, dispenser di latte e macchine mangia lattine/ bottiglie in PET;
  • incentivare apparecchi domestici per filtrare e gasare l’acqua;
  • sensibilizzare l’utilizzo di stoviglie, posate e bicchieri riutilizzabili o compostabili durante manifestazioni e sagre;
  • studiare la fattibilità di un centro del riciclo/riparazione per rimettere in circolo oggetti ancora utilizzabili;
  • estendere la diffusione di bagni pubblici, cestini stradali per la differenziata e posaceneri;
  • organizzare azioni di sensibilizzazione dell’utenza alla raccolta differenziata e comminare sanzioni pesanti a chi abbandona i rifiuti in modo improprio. I cittadini saranno infine maggiormente responsabilizzati alla pulizia e al decoro dell’area che si affaccia davanti alle proprie abitazioni.

CONTROLLO DELL’INQUINAMENTO E QUALITA’ AMBIENTALE

Per quanto riguarda lo stato dell’aria, consapevoli dei cambiamenti climatici indotti dall’inquinamento, il comune dovrà attivarsi per la riduzione delle polveri sottili. In Mondovì è presente una centralina dell’A.R.P.A. e sarà necessario collaborare con questo ente al fine di prevenire possibili forme di inquinamento che danneggiano la salute umana. In questa ottica si inseriranno gli incentivi al trasporto pubblico, ferroviario, la riduzione del traffico automobilistico e l’eventuale rinnovo del parco auto comunale.

Infine, il comune si impegnerà a bonificare i manufatti di sua proprietà con presenza di amianto e incentiverà i privati a fare lo stesso attraverso forme di sostegno economico.

PER UNA GESTIONE DELL’ACQUA PUBBLICA ED EFFICIENTE

Per quanto riguarda la gestione dell’acqua, nel rispetto del referendum del 2011, il comune si adopererà presso l’A.T.O. per avere un gestore pubblico ed efficiente che fornisca un servizio di qualità, valorizzando il capitale tecnico e umano di MondoAcqua.

 

Clicca qui per tornare al macro-capitolo 1 – Progettualita’

Clicca qui per tornare alla pagina iniziale del programma.

Il Consiglio Comunale a Mondovi’ con Giuliano Bessone Sindaco

PREMESSA:qui potete vedere come l’attuale maggioranza dei nemici-amici Viglione-Costa considera il Consiglio Comunale e l’opposizione

Ma cos’é esattamente il Consiglio Comunale?

Il Consiglio Comunale è l’organo di indirizzo e di controllo politico-amministrativo del comune; tra le sue competenze rientrano il bilancio, il piano regolatore, il piano delle opere pubbliche e molto altro ancora.

 

Il Consiglio rappresenta i cittadini monregalesi nelle loro diverse componenti e dovrebbe essere il luogo principe del dibattito politico cittadino

La nostra idea

Il termine consiglio deriva dal latino consilium e significa consultare. Proprio questo deve essere un consiglio comunale, un consesso ove tutti i rappresentanti hanno il dovere di esporre le proprie istanze ed il diritto che queste siano ascoltate e valutate senza pregiudizi dalla maggioranza.

Proprio questo è ciò che il MoVimento 5 Stelle farà a Mondovì nel caso in cui dovesse vincere le prossime elezioni: ascoltare le istanze delle minoranze, discuterle, eventualmente migliorarle e – nel caso vadano nel totale interesse della collettività – approvarle integrandole di fatto nel programma delle cose da fare.

QUI potete vedere la composizione del Consiglio Comunale nel mandato 2012/2017

 

Il Programma di Giuliano Bessone e del MoVimento 5 stelle Mondovi’

MONDOVI’ ED IL SUO FUTURO: #SOSTENIAMOCI

Dipenderà da noi. Monregalesi, tutti.

Promuovere la città e donarle nuovo slancio in modo che possa competere con le città vicine e diventare “appetibile” significa creare movimento e quindi ritorno commerciale. L’obiettivo può essere raggiunto solo se l’intera comunità sarà disposta a concorrere, ad essere parte attiva, nella progettazione di una città viva e vivibile.

La premessa metodologica, partendo da “cosa” dovrà diventare il consiglio comunale, è chiara.

Nella Mondovì che abbiamo in mente si punterà quindi sulla trasparenza nelle procedure e sulla gestione economica.

Questo si rifletterà su un’amministrazione della cosa pubblica che mira ad eliminare rapporti potenzialmente clientelari attraverso:

  • nomine e bandi sospesi negli ultimi sei mesi dell’amministrazione (“semestre bianco”);
  • la partecipazione e la cittadinanza attiva;
  • la valorizzazione delle idee dei cittadini nell’espressione di quelli che – secondo loro – sono i bisogni principali della città, coinvolgendoli nella ricerca di soluzioni e monitorando il loro grado di soddisfazione rispetto alle strategie dell’amministrazione;
  • la rivalutazione del patrimonio artistico e paesaggistico, promuovendo le eccellenze e le chicche da scoprire, ma anche sostenendo fortemente le associazioni culturali del territorio – con particolare attenzione ai giovani – affinché producano una cultura non di consumo ma costruttiva, attraverso una progettazione integrata.

Si vuole proporre Mondovì come una città che valorizzi la tradizione dal punto di vista della cultura e della produzione economica ma che si proietti verso il futuro cercando modalità di comunicazione immediate e digitalizzate.

In estrema sintesi, la vocazione di Mondovì dovrà essere l’apertura al cambiamento.

Le soluzioni si trovano nelle cose semplici, spesso basta prendere da esempio quanto già funziona intorno a noi.

Molte volte – come declinerà il programma che segue – problemi e soluzioni si intrecciano: per questa ragione il programma non sarà a compartimenti stagni ed a volte alcuni temi e progetti saranno toccati in più capitoli: ad esempio se si riordina la zona industriale (Z.I.) si incentiva indirettamente l’occupazione, se si promuove con lo sport la città in giro per l’Italia si fa da volano per il turismo e quindi per l’economia locale. Eccetera.

IL PROGRAMMA: 4 MACRO-CAPITOLI

I quattro macro capitoli sono una mera suddivisione fisica per aiutare nella lettura. I capitoli che seguono parlano della Mondovì che vorremmo disegnare, di come la Mondovì dei prossimi mesi ed anni a venire si dovrà sostentare, di come dovrà essere gestita ed amministrata, rivolgendosi a coloro per cui questo programma è stato redatto, i monregalesi. In questo programma abbiamo pensato a tutti, un programma che non può e non vuole essere omnicomprensivo di tutto ciò che si vorrebbe fare per la propria città, potrà sembrare “lacunoso” in talune parti, perché quello che si è voluto fare NON è stato redigere un elenco di “buoni propositi”, bensì evidenziare i temi che più ci stanno a cuore, le idee che riteniamo innovative, le problematiche principali della città a cui dare una soluzione e soprattutto punti di programma che possono REALMENTE essere messi in pratica.

I 4 macro-capitoli (clicca sul titolo per aprirli):

  1. PROGETTUALITA’: urbanistica, lavori pubblici, verde pubblico, trasporti e ambiente;
  2. SVILUPPO: attivita’ economiche, commercio, agricoltura, turismo e manifestazioni;
  3. GESTIONE: la macchina e la gestione pubblica;
  4. CITTADINANZA DIRITTI E DOVERI dell’essere parte di una comunità: politiche giovanili, politiche sociali, sport, integrazione e multiculturalita´, benessere e tempo libero.

P.S. Nel caso non avessimo pensato a qualcosa, varrà quanto scritto in premessa, qualora dovessimo governare la città: spazio alle idee altrui, se in linea con i principi e le idee del M5S.

SCARICA DA QUI IL PROGRAMMA COMPLETO DEL M5S MONDOVI’ IN PDF

Un consigliere di opposizione a Mondovì vale meno di zero

Questa è la considerazione che la maggioranza (attuale e oltre) dell’amministrazione Viglione ha dell’opposizione in consiglio comunale a Mondovì.

L’opposizione è  solo un fastidio, capace solo a criticare, a non proporre nulla, a dire sempre no. Salvo che poi i fatti dimostrino il contrario: è la maggioranza che boccia tutto ciò che arriva dall’opposizione (come il baratto amministrativo che non più tardi di 10 giorni fa, senza andare tanto lontano, è stato approvato dal Comune di Vicoforte…) e a non rispondere alle domande e alle critiche che, giustamente, i consiglieri di opposizione rivolgono.

In questo finale di legislatura sono oggetto di un episodio che rappresenta perfettamente la considerazione che ha questa maggioranza circa la minoranza.

Infatti, a norma di regolamento, ho prodotto un’interrogazione con richiesta di risposta scritta inviata via PEC in data 14 marzo 2017. L’art 60 del regolamento del CC indica un termine di 30 giorni per la risposta. Oggi, a distanza di ben più dei 30 giorni, non ho ricevuto alcuna risposta. Ma non basta, perché scaduti i termini avevo inviato via PEC una lettera al Sindaco Stefano Viglione, Segretario comunale ed al presidente del Consiglio Comunale, Ignazio Aimo, affinché venissero rispettati i termini regolamentari e garantito alla mia persona di poter svolgere il mio mandato di consigliere comunale. Insomma ho solo chiesto che vengano rispettati i miei diritti di consigliere comunale! Nella lettera ho chiesto inoltre al presidente del Consiglio Comunale, che dovrebbe rappresentare TUTTI i consiglieri comunali (e che riceve pure un’indennità mensile per fare questo), di vigilare affinché tutto questo non succeda.

Risposte ricevute? ZERO. Nemmeno dal Presidente del Consiglio Comunale, colui che dovrebbe essere il garante dei diritti e delle prerogative dei consiglieri.

Devo rivolgermi al Prefetto per avere una risposta? Non è così che dovrebbe funzionare in un paese civile. Perché non rispettare i diritti di un consigliere comunale vuol dire non rispettare l’intera cittadinanza (art. 5 regolamento CC).

P.S. Qui potete leggere il testo dell’interrogazione che ad oggi non ha ancora avuto risposta. Penso che i cittadini monregalesi siano parecchio interessati a sapere come 250.000 euro destinati al comune siano stati girati ad un privato e cosa il privato ne abbia fatto…

 

Federico Costamagna

 

 

 

Convocato il Consiglio Comunale per lunedì 21 novembre 2016

Il Consiglio Comunale di Mondovì è convocato il giorno lunedì 21 novembre 2016 alle ore 18,30, nella sala consiliare, posta al 1° piano del Palazzo Comunale, per la trattazione dei seguenti argomenti:

  1. ESTINZIONE ANTICIPATA DI MUTUI – BILANCIO DI PREVISIONE 2016-2018 – VARIAZIONI – PROVVEDIMENTI
  2. SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE. ADESIONE AL CONSORZIO “AGENZIA DELLA MOBILITA’ PIEMONTESE” – APPROVAZIONE STATUTO E CONVENZIONE COSTITUTIVA.
  3. L.R. 56/77 E S.M.I. ART.17, XII COMMA, LETT. C) – MODIFICA AL P.R.G.C. VIGENTE NON COSTITUENTE VARIANTE PER LA SUDDIVISIONE IN DUE SUB-AMBITI DELL’AREA DM-11 ASSOGGETTATA A S.U.E.
  4. MODIFICA ART 60 COMMA 2 DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE – PROVVEDIMENTI.
  5. INTERROGAZIONI :
– SUL RECUPERO, LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DELL’EX CHIESA DEI SS. ANDREA ED EVASIO (PROT. 31760) (CONS.COSTAMAGNA);
– SULLA LIMITAZIONE DEL SERVIZIO INTERNET WI-FI DELLA BIBLIOTECA CIVICA DI MONDOVI’ (PROT. 32230) (CONS.COSTAMAGNA);
– CIRCA L’AMPLIAMENTO E LA MANUTENZIONE DI PARCO EUROPA (PROT. 33700) (CONS.COSTAMAGNA);
– SULLE DIPENDENZE DA GIOCO D’AZZARDO (PROT. 35796) (CONS.OGGERINO);
-SULL’ISTITUTO DEL DIFENSORE CIVICO (CONS.COSTAMAGNA).

Vi ricordiamo che, oltre a poter assistere direttamente il Consiglio Comunale in Comune, si potrà vedere la diretta streaming sul sito del Comune e sul nostro sito.