Mondovi’, si cambia? Serata Urbanistica e Trasporti con il candidato Sindaco M5S Giuliano Bessone

Cinque anni fa il MoVimento 5 Stelle Mondovì in una serata pre-elettorale dal titolo “VUOI IL TAV TORINO LIONE OPPURE IL TRENO MONDOVI’ CUNEO?” aveva toccato il tema della linea ferroviaria Mondovì-Cuneo prossima alla sospensione.
La linea è stata poi effettivamente sospesa ma ciò non ne vieterebbe la sua immediata riattivazione.
Ed oltre alla riattivazione della Mondovì-Cuneo cos’altro manca a Mondovì per avere una mobilità, un trasporto pubblico locale, degni di questo nome?
Quattro anni fa sempre il MoVimento 5 Stelle Mondovì in una serata dal titolo “QUALE REVISIONE PER IL PIANO REGOLATORE?” si parlava della revisione del PRGC e delle devastazioni apportate al tessuto cittadino da quello vigente allora e TUTTORA vigente: infatti, una legislatura intera è passata e non è stata sufficiente – benché fosse nel programma elettorale dell’allora candidato sindaco Viglione – all’Amministrazione uscente per approvare il nuovo PRGC.
Quindi, il nuovo sindaco avrà il compito di portare a termine quanto lasciato a metà dall’Amministrazione uscente con la possibilità di apportare sostanziali modifiche al PRGC.
Di questi due importantissimi temi, che influenzano non poco le vite dei cittadini di Mondovì, si parlerà in una serata propedeutica alle elezioni del prossimo 11 giugno organizzata a tal proposito dal MoVimento 5 Stelle Mondovì
Il ritrovo è fissato per lunedì 29 maggio, alle ore 21,00 presso la Sala Conferenze di Corso Statuto 11/D a Mondovì.
Introdurranno la serata il candidato alla carica di Sindaco di Mondovì, Giuliano Bessone, il candidato alla carica di Assessore alla Qualità e Assetto del Territorio in una futuribile Giunta Bessone, Federico Sandrone e la parlamentare monregalese del M5S Fabiana Dadone.
Daranno spunti per il dibattito in sala, a cui sono stati invitati vari ordini di categoria, associazioni, enti, ecc…potenzialmente interessati alle tematiche in questione, i seguenti relatori:
Guido Montanari (Vicesindaco di Torino ed Ass. all’Urbanistica)
Federico Valetti (Consigliere Regionale del M5S e Vice Presidente Commissione II – urbanistica, edilizia residenziale, trasporti e viabilità ed OO.PP).
Marco Scibona (Senatore M5S e Segretario 8^ Commissione – trasporti, lavori pubblici e comunicazioni)
Mariagrazia Bertolino (Associazione Ferrovie Piemontesi)
MoVimento 5 Stelle Mondovì

TORINO-MONDOVI’: COLLABORAZIONI FUTURE?

“Cos’ha Mondovì in meno di Barolo o Monforte? Sono tutte a tre città splendide!”
“Siamo noi a sentrici onorati per l’accordo siglato con Alba Bra Langhe e Roero”.

Queste sono solo alcune delle parole proferite dall’Assessore al Commercio e Turismo del Comune di Torino che ha partecipato alla serata “Quale futuro per il commercio a Mondovì” organizzata dal MoVimento 5 Stelle Mondovì.

Non tanto nutrita la partecipazione alla serata – come se il commercio monregalese goda di buona salute ed i commercianti di Mondovì non abbiano nulla da imparare da altri – ma qualificata ed interessata alle testimonianze portate dai due ospiti d’onore giunti a Mondovì per supportare la candidatura di Giuliano Bessone a Sindaco di Mondovì: Giorgio Bertola ed Alberto Sacco.

Sacco, Bertola, Borsarelli e Bessone.

Tutti d’accordo sul punto che commercio vuole dire anche turismo, ed il turismo si incentiva con la promozione e le manifestazioni, Giorgio Bertola, Consigliere Regionale M5S, non ha potuto che confermare quanto è sotto gli occhi di tutti: a livello di Regione poche sono le iniziative intraprese per portare il territorio piemontese a far rete e presentarsi, ad esempio, compatto sul proscenio nazionale o internazionale e sono spesso iniziative slegate, doppioni, quindi poco efficaci. Andando al locale si è domandato come possa essere possibile che una cittadina come Mondovì ubicata in una posizione strategica – con un borgo medievale come quello di Piazza che altre cittadine della provincia ci invidiano e saprebbero “mettere a frutto” – non riesca ad intercettare flussi di turisti e visitatori che frequentano le vallate montane, che viaggiano verso la costa ligure o al vicino parco commerciale. La risposta concorde della sala è che forse l’Amministrazione Comunale attuale poco si è impegnata per fare rete, per collaborare con altre realtà locali.

Alberto Sacco, Assessore al Commercio ed al Turismo del Comune di Torino, dopo aver elogiato Lorenza Borsarelli – Assessore in pectore allo Sviluppo, Cultura e Promozione della Città di una futuribile Giunta Bessone – per la passionale e chiara esposizione circa lo stato del Commercio a Mondovì ed aver formulato a lei ed a Bessone i suoi migliori auguri per il gravosissimo obiettivo che si sono dati – amministrare la città – ha poi illustrato la situazione trovata a Torino l’anno scorso quando la Giunta Appendino s’è insediata: casse vuote ed una marea di fondi iscritti a bilancio, ma mai incassati; parti dei fondi previsti provenire da nuovi insediamenti della GDO. Ciò che è stato fatto la Giunta Appendino è stato di non entrare in conflitto con i proponenti progetto, magari cancellando i pre-accordi stipulati con la giunta precedente per non imbarcarsi in cause milionarie che avrebbero potuto portare dei danni ai cittadini, ma al contempo li ha costretti a rivedere i progetti con delle formule compensative che andassero a vantaggio del commercio di vicinato, di piccoli artigiani, di agricoltori ecc…

Immediato quindi è stato fare il parallelo circa come Mondovicino è stata “sfruttata” negli anni per agevolare lo sviluppo economico della città di Mondovì. Come…?

Insomma il concetto di fondo che Sacco ha lasciato trasparire nel suo lungo ed articolato intervento è stato che col buon senso si deve avere il coraggio di sovvertire lo stato delle cose, “pensare al contrario”: proporsi come città in “n” contesti anziché aspettare che turismo e commercio si muovano per grazia ricevuta; passare ad essere propositivi e ricettivi, anziché chiusi su stessi; essere pro-attivi anziché lagnarsi dello stato della cose. Questo vale per commercianti ma soprattutto per gli amministratori locali. Troppo spesso le Associazioni di categoria si sono sostituite all’Amministrazione nell’organizzazione degli eventi. Bisogna avere il coraggio di cambiare, ma veramente, lo stato delle cose, partendo da una buona organizzazione e struttura interna del Comune, passando dal fare rete coi territori circostanti fino ad arrivare ad avere contatti solidi con realtà come quella di Torino: ad Alba, in media, i turisti stranieri nei loro soggiorni vi passano 2 giorni; a Torino stranieri ed italiani, in media, vi passano 2,3 giorni. Cosa vieta che i turisti italiani arrivino fino ad Alba e cosa vieta che i turisti stranieri visitino anche Torino, prolungando così il loro periodo di soggiorno magari a 3-4 giorni?

E lo stesso si potrebbe ipotizzare per Mondovì ed il Monregalese.

Il MoVimento 5 Stelle Mondovì se sarà chiamato a governare opererà in quest’ottica, con questo obiettivo ben chiaro in mente, e l’Assessore Sacco ha dato piena disponibilità ad instaurare rapporti solidi con Mondovì ed il Monregalese che, capovolgendo come poc’anzi detto il punto di vista, sarebbe per Torino un arricchimento

MoVimento 5 Stelle Mondovì

Istruzione, scuola ed edilizia scolastica – Programma del MoVimento 5 stelle Mondovi’

Istruzione, scuola ed edilizia scolastica

Il rapporto della scuola con il territorio e la comunità è vissuto in modo spesso superficiale, poiché la scuola è puramente intesa come obbligo/servizio e non come luogo di vita e di crescita. Nostro obiettivo sarà rendere la scuola un luogo che i ragazzi vogliono frequentare anche oltre l’orario scolastico perché possono praticare sport, seguire corsi, incontrare i propri compagni. L’ambiente scuola può diventare, con l’aiuto dei genitori e delle associazioni, palestra di vita, utilizzando la naturale propensione dei bambini al gioco per formarli al rispetto del territorio, delle risorse, delle tradizioni, di sé stessi e degli altri. L’ambiente scuola può diventare, con l’aiuto dei genitori e delle associazioni, palestra di vita, utilizzando la naturale propensione dei bambini al gioco per formarli al rispetto del territorio, delle risorse, delle tradizioni, di sé stessi e degli altri.

Qualcosa si sta facendo in tal senso a Mondovì ma le infrastrutture scolastiche esistenti di certo non agevolano questa trasformazione. Le nostre idee sono:

  • un piano di manutenzione ordinaria e straordinaria per le scuole, coinvolgendo gli utenti nell’individuazione delle problematiche;
  • Progetto “Adotta la tua scuola”. In linea con la “Banca del Tempo” si chiede ai genitori di mettere a disposizione della scuola competenze e alcune ore del tempo libero.
  • fare di Mondovì un polo universitario di specializzazione con l’Università della Montagna e il Politecnico. Usare fondi europei per portare progetti di formazione in città e i nostri studenti all’estero per formazione e tirocini;
  • trovare una nuova sede ai licei, utilizzando i volumi esistenti potenzialmente adattabili;
  • valutare la situazione degli asili nido esistenti e sviluppare i micro-nidi familiari e aziendali;
  • attivare corsi di educazione civica, stradale, ambientale, sanitaria;
  • biblioteche di quartiere gestite da volontari e collegate a quella civica, distribuite in modo omogeneo sul territorio;
  • limitare l’utilizzo dei testi con il potenziamento dei supporti informatici nell’ambito scolastico, con particolare attenzione per le difficoltà di apprendimento;
  • scuole “aperte” per sviluppare attraverso il gioco, la multiculturalità, la conoscenza del patrimonio storico e naturalistico della città, la corretta alimentazione, il riciclo dei “materiali di scarto”;
  • integrare la fornitura ordinaria di materiale scolastico.

 

Clicca qui per tornare alla macro capitolo 4 “Cittadinanza, diritti e doveri”

Clicca qui per tornare alla pagina iniziale del programma

Diritti e societa’ – Programma del MoVimento 5 stelle Mondovi’

Il tema dei diritti civili è politico e si può iniziare dai comuni per colmare il vuoto normativo a livello nazionale su questi temi. Si pensa pertanto di prevedere:

  • la registrazione del testamento biologico creando il registro delle dichiarazioni anticipate di trattamento e se ne fa garante, nei limiti previsti dalla legge italiana;
  • una stanza del commiato (funerali laici) in cui si possano tenere cerimonie di commiato connotate in senso laico o religioso, secondo i desideri del defunto e dei suoi familiari.

 

Clicca qui per tornare alla macro capitolo 4 “Cittadinanza, diritti e doveri”

Clicca qui per tornare alla pagina iniziale del programma

Sport, benessere e tempo libero – Programma del MoVimento 5 stelle Mondovi’

Sport (ed infrastrutture sportive), benessere e tempo libero

Mens sana in corpore sano”: lo sport è aggregazione, integrazione, disciplina, condivisione; aiuta quindi i giovani a crescere in un ambiente sano e formativo e più in generale chi lo pratica gode di una migliore salute psicofisica indipendentemente dall’età. Chi è vicino allo sport e chi si appassiona ad una disciplina sportiva di norma migliora di gran lunga la propria qualità della vita. Pertanto avere un buon livello di servizi (impianti ed organizzazione logistica) significa avere una marcia in più anche a livello sociale. Verranno in tal senso intraprese molteplici iniziative, tra cui:

  • promuovere eventi e tornei (meeting di nuoto, gare podistiche, tornei di calcio, gare di triathlon, ecc.) in collaborazione con le associazioni sportive;
  • curare la manutenzione e l’ampliamento della rete di piste ciclabili esistenti e valutare la fattibilità di un circuito per mountain bike (M.T.B.) e una pista di pump track;
  • prevedere l’approntamento di percorsi opportunamente segnalati nelle campagne e nei boschi siti nel territorio comunale. Gli stessi percorsi potrebbero diventare teatro di “Trail Urbani”;
  • realizzare di una sala boulder (palestra di arrampicata libera al coperto) come forma di sostegno dello sviluppo di nuove attività sportive che si integrino nel contesto monregalese. Sempre in quest’ottica, prevedere spazi idonei affinché gli appassionati di monociclo possano dedicarsi alla loro passione facendola diventare una peculiarità del monregalese;
  • far diventare gli atleti delle società monregalesi, di qualsiasi disciplina e categoria, ambasciatori di Mondovì nei contesti in cui gareggeranno, usando lo sport come veicolo per far conoscere la città;
  • riqualificare la piscina esistenze attraverso interventi di manutenzione ordinaria, con particolare attenzione alla riqualificazione energetica, valutando la possibilità di realizzarne una seconda, esterna ed attrezzata per attività ludiche;
  • l’opera di riqualificazione urbanistica di edifici ed aree abbandonate porterà ad avere nuovi spazi per una casa dello sport dove praticare più sport nello stesso luogo;
  • prevedere altresì la riqualificazione ed ammodernamento dei parchi giochi esistenti (da attrezzarsi con un minimo di impiantistica sportiva o creando dei percorsi ginnici) e dei campi sportivi, dando primaria importanza a quelli delle frazioni;
  • richiedere alla Provincia l’alienazione del PalaItis e del PalaManera, per una migliore gestione e fruizione degli stessi;
  • promuovere la collaborazione tra comune, società sportive e scuole istituendo un tavolo tecnico per la programmazione di eventi, la creazione di regolamenti ed in generale per stabilire una politica di promozione dello stile di vita sano nel territorio;
  • rivedere il sistema della distribuzione dei contributi comunali alle società sportive che diventerà preventivo e a progetto;
  • potenziare l’evento “Raduno Internazionale Aerostatico dell’Epifania” (nel 2018 sarà la 30° edizione) con varie attività collaterali e che durino tutto l’anno, rendendo Mondovì punto di riferimento nazionale per il volo silenzioso.

 

Clicca qui per tornare alla macro capitolo 4 “Cittadinanza, diritti e doveri”

Clicca qui per tornare alla pagina iniziale del programma