2050 RAGIONI PER UNA NUOVA PALESTRA IN UNO DEI “CONTENITORI VUOTI” DI MONDOVI’

2050…euro è il costo per affittare il PalaBrebanca  di Cuneo per una partita.

Risultati immagini per palabrebanca cuneo

PalaBrebanca il cui utilizzo, da quando la Brebanca Lannutti di volley ha cessato l’attività, è passato dalle 1172 ore di utilizzo all’anno – annata 2013/4, con spese di gestione pari  a 183.600 euro – alle  846 ore dell’annata 2014/5 – la prima senza la Brebanca Lannutti  – con spese di gestione pari a 130.000 euro.

A Cuneo si stanno avviando ad avere una cattedrale nel deserto, o quasi, dopo soli 25 anni dalla sua inaugurazione?

3000 posti a sedere è la capienza minima dalla stagione 2017-8 per le partite di volley di Super Lega maschile (la vecchia A1). Risultati immagini per super lega volleyIndice di occupazione richiesto, 80% (minimo 2400 spettatori). A Mondovì non esiste una struttura idonea a soddisfare il requisito di capienza per la Super Lega ma al momento nessuna squadra vi milita.

Nella stagione 2016-7 la VBC Mondovì  in A2 ha avuto una media di spettatori a partita pari a 816 unità. In quella precedente di 976 unità.

La BreBanca Lannutti prima di cessare l’attività – nell’ultima annata al top della classifica di A1 (2012/3) – aveva avuto una media di 3211 spettatori; l’ultima stagione (2013/4), prima della non iscrizione al campionato, gli spettatori medi per partita scesero a 2441 unità.

Questi numeri per dire che costruire un vero e proprio palazzetto con una capienza tale da soddisfare i requisiti della Super Lega, potrebbe costare non poco (fino ad una decina di milioni?), potrebbe essere difficile riempirlo – di spettatori – e sarebbe un doppione, dal nostro punto di vista,  del PalaBrebanca che dista una  trentina di chilometri da Mondovì.

Con poche migliaia di euro all’anno di un palazzetto in affitto si ovvierebbe ad una eventuale necessità.

Cosa manca  veramente a Mondovì sono gli spazi/le ore palestra per tutti gli sport, in generale, ed i fondi “risparmiati” non costruendo un nuovo palazzetto o anche solo un “palestrone”, si potrebbero investire in quest’operazione.

Pertanto, come già annunciato in passato e nella serata Sport e Giovani svoltasi a fine marzo in Sala Conferenze, intenzione del MoVimento 5 Stelle Mondovì è chiedere alla Provincia l’alienazione di PalaITIS e PalaManera Risultati immagini per palamaneraper poterli gestire al meglio e soprattutto mettere in campo tutte le possibili azioni di riqualificazione per rendere i due palazzetti maggiormente fruibili dalle società sportive.

Oltre ai due impianti poc’anzi citati è nostra intenzione, nell’ottica di un più ampio piano di piccole opere utili, prevedere una serie di manutenzioni straordinarie alle varie palestre comunali. Risultati immagini per palamanera

Ma queste iniziative da sole non garantiscono ancora gli spazi palestra di cui gli sportivi di Mondovì necessiterebbero e meriterebbero.

E’ nostra intenzione pertanto, una volta giunti alla guida della città, continuare i discorsi iniziati nelle settimane scorse con un industriale per avere la disponibilità di un edificio già esistente ed ubicato nel concentrico della città che nelle nostre intenzioni potrebbe diventare la “Casa dello Sport Monregalese” dove ogni Società Sportiva avrà il suo spazio, dove più attività sportive si potranno svolgere in contemporanea, dove gli appassionati di vari sport potranno passare momenti conviviali fianco a fianco.

MoVimento 5 Stelle Mondovì

Il miglior modo per votare Giuliano BESSONE Sindaco e MoVimento 5 stelle!

Si vota Domenica 11 Giugno dalle 7.00 alle ore 23.00. L’eventuale ballottaggio si svolgerà domenica 25 giugno. Gli elettori dovranno esibire, oltre ad un documento di riconoscimento valido, la tessera elettorale.

Come si vota? Ci sono 3 diverse tipologie. Qui trovate un’ottima “guida al voto” redatta da L’Unione Monregalese.

Il modo migliore per votare per votare Giuliano Bessone e il MoVimento 5 stelle è tracciare una X su GIULIANO BESSONE, una X sul SIMBOLO e, se si desidera, scrivere una o due preferenze tra i nostri candidati Consiglieri Comunali. (IMPORTANTE se si esprimono due preferenze, devono essere di diverso genere: una femmina e un maschio)

Come eravamo, tutti insieme appassionatamente.

Stefano Viglione e Enrico Costa, ora divisi con Donatella Garello e Paolo Adriano.

A noi piace ricordarli così:

Quando una grande famiglia si disgrega, non è mai bello. Tristezza e dolore dilagano. Si versano lacrime a volontà. Che scena…ci si stringe il cuore solo a pensarla, ci si stringe il cuore solo ad immaginare il travaglio interiore che deve aver pervaso i vari attori di questa tragedia tutta monregalese.

Ma c’è una speranza…Siamo certi che riusciranno a metter da parte dissidi e dissappori dopo il primo turno, qualora la loro supremazia, qualora i loro interessi su Mondovì, dovessero mai venir messi in dubbio a causa di qualche intruso che osasse arrivare al ballottaggio o contro #icontinuanti o contro #icambianti.

Ce li vediamo già – a seguito di alcuni giorni di frenetici accordi – “apparentarsi”, come prima, più di prima: “un assessore a me, uno a te”… “lui ha preso i voti dei calabresi, l’altro delle frazioni”…”a nomine in Fondazione come stiamo? Non facciamo i casini dell’altra volta”. Eccetera. Immaginate l’inimmaginabile e potrebbe essere la realtà: la prossima Giunta, i prossimi CdA di compartecipate dal Comune. Eccetera. Sarà messo tutto sul bilancino Cencelli e da grande famiglia quale erano e ri-saranno, ognuno avrà la sua libbra di carne.

Salvo litigare per la prossima nomina, per la prossima cadrega in una compartecipata, se gli accordi che stringeranno prenderanno una piega non condivisa. Come sono già riusciti a fare in passato.

Mondovì ed i Monregalesi dove si collocano in questa fantasiosa tragedia? Fondale di teatro. Mero fondale.

Meno male che è una pura fantasia quanto sopra raccontato.

IL NOSTRO SI’ PER UNA PISCINA LUDICA

Piscina all’aperto…un miraggio…un sogno…

E’ presente praticamente in tutti i  programmi elettorali dei candidati alla carica di sindaco di Mondovì.

Ovviamente c’era già anche nel programma Viglione 2012, ma N.P. – non pervenuta – come tante altre opere di cui era zeppo il programma della coalizione di CDX.

Ma c’è piscina e piscina: c’è chi ora parla più genericamente di una piscina all’aperto e chi invece la vorrebbe addirittura costruire da 50 m. “che rappresenti un’ulteriore offerta per i mesi estivi e garantisca l’abbattimento dei costi gestionali della piscina coperta”.

 

 

 

 

Ma su che basi si fanno determinate scelte, come si possono mettere in un programma elettorale determinati progetti? Come fa, soprattutto, chi l’ha proposta 5 anni fa, riproporla nuovamente…? Se non l’han fatta fino ad ora, che siano essi #icambianti o #icontinuanti, perché dovrebbero, perché vorrebbero, riuscire a farla adesso? Sarà che “in un programma promettono di tutto e di più per NON realizzarlo e poterlo così promettere nuovamente nella tornata elettorale successiva”…? (cit. anonimo)

Questa è da strizzacervelli…lo sappiamo…ma  abbiamo l’impressione che a Mondovì potrebbe rasentare la verità.

Detto ciò…nel nostro piccolo, ci siamo documentati circa la situazione attuale, abbiamo parlato col gestore, con istruttori, con nuotatori, verificato i dati di altre realtà vicine alla nostra, ecc… ed abbiamo abbozzato la nostra proposta che è nel titolo: noi del MoVimento 5 Stelle Mondovì siamo per una piscina ludica, di dimensioni “modeste”, dotata di solarium, scivoli ed altre attività ricreative collaterali. Questo è quanto avevamo affermato in passato e ribadito in un recente incontro circa Sport e Giovani tenutosi a fine marzo in Sala Conferenze.

Al link la presentazione proiettata durante la serata in questione.

E per chi volesse  nuotare in una piscina da 50 m., c’è quella di Cuneo che se fosse servita da un TPL decente, non sarebbe così lontana.

Premessa: il gestore attuale è  allineato sulle nostre posizioni. Vedere cosa dice proprio oggi a tal proposito in un articolo circa il recente bando di gestione.

Perché il gestore sarebbe “contro” una piscina da 50 m. all’aperto?

Partiamo dal presupposto che il gestore attuale “vive di piscine”, è un imprenditore e ci mette molto “di suo” nelle gestioni in cui è attivo. Quindi, guarda attentamente ai ricavi Vs. costi; pertanto non la farebbe mai per la prossimità di Mondovì alle montagne, con meteo che anche in estate muta repentina. Mettendoci “del suo” è difficile dargli torto, soprattutto quando una stagione estiva, buona, dura al massimo 3 mesi (dai primi di giugno a fine agosto). Ora, il fatto che propenda per una piscina ludica, fa pensare che sia accondisceso ad una soluzione di compromesso tra le necessità dell’utenza e la desiderata di taluni candidati.

Fatta la doverosa premessa val la pena ricordare che a Mondovì, nella struttura attuale, in un anno gli “ingressi singoli” ** sono poco meno di 45.000. Dire che la piscina attualmente sia congestionata è un’espressione forte. Diciamo che in settimana in alcune ore – quelle pomeridiane – è abbastanza frequentata, ma soprattutto una piscina all’aperto da 50 m, che può funzionare solo d’estate quanto risolverebbe tale “problema”quando i corsi, quelli che occupano tante ore corsia, per buona parte si svolgono in concomitanza con l’annata scolastica?

Abbiamo poi due esempi vicini che ci hanno aiutato nelle nostre riflessioni.

Cuneo: di recente, a fronte di un investimento di una decina di milioni, è stata costruita una nuova piscina al coperto. Allo stato attuale, quindi, a Cuneo ci sono due piscine da 50 m., una all’aperto (aperta per tre mesi l’anno) ed una al chiuso. Costi di gestione per poco più di  1,1 milioni di euro all’anno e poco meno di 200.000 “ingressi singoli”. Dati alla mano, ogni ingresso costa quasi 6 euro.

Fossano: negli anni scorsi è stata costruita una piscina ludica, dimensioni 20×16 m., dal costo di 850.000 euro. L’apertura estiva di tale piscina, dotata di scivoli e solarium, genera introiti extra per il gestore di circa 60.000 euro anno, al lordo delle tasse.

Snocciolati questi numeri la nostra sintesi è che se si costruisse una piscina all’aperto da 50 m., quindi venendoci a trovare in una situazione quasi simile a quella di Cuneo – in realtà a Mondovì mancherebbero 25 m. al chiuso per 12 mesi –  si dovrebbero “reperire” solo, circa, 100.000 “ingressi singoli” all’anno per avere circa gli stessi numeri di Cuneo. Un incremento di “ingressi singoli” di circa il 200%.  Chi pensa che ciò possa essere possibile e che quindi un’ulteriore piscina da 50 m. sia economicamente sostenibile  è da assimilare a chi ha disegnato un PRGC per Mondovì da 30.000 abitanti.

Ed una piscina da 50 m. all’aperto quanto costerebbe costruirla? 3-4 milioni? Tempi di ammortamento? Lasciamo la risposta a chi l’ha ipotizzata.

Una piscina ludica, tipo quella di Fossano, con circa un milione di euro si dovrebbe poter realizzare e con ricavi simili a quelli di Fossano in una ventina d’anni si dovrebbe poter rientrare della spesa sostenuta e, soprattutto, si vedrebbe accontentata quella fetta di utenza che altrimenti andrebbe altrove a cercare un posto per rilassarsi, prender la tintarella, rinfrescarsi, fare qualche discesa da uno scivolo e tante altre attività ancora.

Con i fondi “risparmiati” nella NON costruzione di una piscina all’aperto da 50 m. si potrebbero apportare tutte quelle migliorie alla struttura coperta esistente,  punto sul quale la quasi totalità dei candidati alla carica di sindaco di Mondovì convergono, e che potrebbero prevedere una pesante riqualificazione energetica e tutte quelle migliorie, in accordo col prossimo gestore, mirate a dare un miglior servizio agli utenti abituali e ricavi extra per una miglior sostenibilità economica del polo natatorio del Ferrone.

In questi due ultimi capoversi quanto faremo noi del MoVimento 5 Stelle una volta eletti per quanto riguarda le piscine ed il nuoto a Mondovì.

MoVimento 5 Stelle Mondovì

** “ingresso singolo”: per i corsisti si calcolano i numeri di ingressi acquistati e non di abbonamenti. Esempio: un abbonamento master = 120 ingressi singoli.

 

Cercasi Rappresentanti di lista per le elezioni amministrative dell’11 giugno a Mondovì!

Se sei residente a Mondovì e sei un simaptizzante/elettore del M5S Mondovì puoi aiutarci come rappresentante di lista!

Le elezioni comunali si avvicinano e il Movimento 5 Stelle Mondovì ha bisogno di volontari per il ruolo di rappresentante di lista, cioè una persona che dovrà essere presente ai seggi soprattutto la sera di domenica 11 giugno durante lo spoglio delle schede (ma anche, ogni tanto, durante le operazioni di voto) per controllare che i voti per il Movimento 5 Stelle non vengano ingiustamente annullati (si ricorda che i rappresentanti di lista, selavoratori dipendenti, hanno diritto al permesso retribuito dal lavoro e ad un giorno di riposo successivo).

Se volete offrirvi come volontari per questo compito o avete necessità di altre delucidazioni in merito non esitate a contattarci! E’ molto importante!

contatti: massimo.scabbia@piemonte5stelle.it